Servizio Clienti Web

Seguici su Facebook!

Passeggiata archeologica sulla Via Amerina

Destinazione: Lazio

Tipo Vacanza: Viaggi di istruzione

Gite di 1 giorno nel Lazio -  LE ANTICHE STRADE DEL LAZIO : La Via Amerina

Percorso storico naturalistico alla scoperta dell'antica strada situata in un contesto ambientale e paesaggistico di grande suggestione.

Partenza in bus per Civita Castellana.
MINI TREKKING ARCHEOLOGICO SULLA VIA AMERINA DA NEPI A FALERI NOVI
La via Amerina era il più importante asse di comunicazione dell’Ager Faliscus che collegava la via
Cassia con l’antica città di Amelia (Ameria). Non è ancora conosciuta la data certa della sua costruzione, ma è indicativo il fatto che il tracciato della strada costituisca il cardine massimo della città di Falerii Novi, sorta nel 241 a. C. dopo la distruzione di Falerii Veteres ad opera dei Romani.
Il percorso della via Amerina sopravvisse e fu utilizzato almeno fino all’età medievale. Oggi è possibile
ammirare per ampi tratti il tracciato dell’antica strada che si sviluppa in un contesto ambientale
e paesaggistico di grande suggestione. La via Amerina corre entro una serie di tagliate, le cui
pareti tufacee sono state utilizzate per lo sviluppo della necropoli. Fino a Falerii Novi, la via Amerina supera ben sei corsi d’acqua su altrettanti ponti di cui rimangono i resti. Tra questi merita particolare attenzione il ponte sul Fosso dei Tre Ponti, un’opera monumentale oggi ancora perfettamente conservata. Una volta superato questo primo ponte, è possibile osservare in successione continua, varie tipologie di tombe, all’interno di alcune è ancora possibile intravedere tracce di decorazione pittorica.

AL TERMINE – BREVE VISITA DI CIVITA CASTELLANA
Civita Castellana (Falerii Veteres) fu capitale dei Falisci, popolo italico che raggiunse
un alto livello di civiltà. L’avanzata dei Romani, nel 241 a.C., distrusse questa città, gli abitanti, trasferitisi a circa 5 km di distanza, fondarono il nuovo sito di Falerii Novi. Di questo periodo restano le testimonianze delle necropoli di Vignale,Terrano e i visibili resti del santuario suburbano di Giunone Curite. Numerosi i luoghi di culto che si possono visitare all’interno del centro storico di Civita Castellana: la chiesa romanica di San Gregorio, San Francesco (1200), S. Maria del Carmine, una delle chiese più antiche del territorio e la Cattedrale di Santa Maria Maggiore dallo splendido portico, capolavoro della famiglia dei Cosmati. Altro emblema della città è il Forte Sangallo, costruito su un preesistente castello medievale, attualmente sede del Museo Archeologico dell’Agro Falisco, dove è esposta una ricca collezione di materiali provenienti dalle varie necropoli di Falerii Veteres e di altre località del territorio falisco.
Pranzo libero.Nel pomeriggio laboratorio di Ceramica.Partenza per il rientro.

 

Quota di partecipazione 

Su una base di 50 partecipanti € 37,00
Su una base di 40 partecipanti € 41,00
Su una base di 30 partecipanti € 47,00

 

La quota comprede:

- bus a disposizione intera giornata per una percorrenza massima di 200 km a/r

- visita guidata intera giornata

- laboratorio di ceramica

- assicurazione medico bagaglio annullamento

- 1 gratuita' ogni 10 paganti

 

La quota non comprende:

- ingressi, mance e quanto espressamente non indicato nella quota comprende

Richiesta Informazioni